Contributi alle imprese varesine per la partecipazione a fiere all’estero e fiere internazionali in Italia nel 2017

Con determinazione dirigenziale n. 39 è stato approvato il bando che prevede l’erogazione di contributi per le aziende della provincia di Varese che partecipano a manifestazioni fieristiche a carattere internazionale (in Italia e all’estero) in programma per l’anno 2017.

 

Soggetti beneficiari

Possono presentare richiesta per ottenere i contributi:

  • le micro, piccole e medie imprese e loro aggregazioni (di seguito indicate semplicemente imprese) con sede e/o unità locale nella provincia di Varese (la definizione di micro, piccola e media impresa è contenuta nel decreto ministeriale del 18 aprile 2005).

 

Sono escluse dall’ammissione al contributo:

  • le imprese che risultino inattive;
  • le imprese che non risultino in regola con il pagamento del diritto annuale camerale e/o con l’iscrizione/annotazione nel Registro delle Imprese e/o nel Repertorio Economico Amministrativo;
  • le imprese che non risultino in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;
  • le imprese che nei cinque anni precedenti (dal 2012 al 2016 compresi) hanno già beneficiato per 3 volte del medesimo contributo camerale (indipendentemente dalla manifestazione fieristica per la quale è richiesto il contributo);
  • le imprese che, per le stesse voci di spesa, beneficino di altri finanziamenti o contributi pubblici;
  • le imprese sottoposte a liquidazione e/o a procedure concorsuali quali fallimento, amministrazione controllata, amministrazione straordinaria, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa.

 

Manifestazioni fieristiche ammissibili

Ai fini dell’erogazione del contributo rilevano le manifestazioni fieristiche che si svolgono nel corso dell’anno 2017, sia all’estero che in Italia.

Le fiere che si svolgono in Italia devono essere riconosciute internazionali dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e riportate nel “Calendario fieristico nazionale 2017” (scaricabile dal sito http://www.regioni.it/home/calendario-fiere-20162017-1219/).

Non sono comunque riconosciute ai fini del contributo le partecipazioni ad iniziative non riconducibili a fiere ed esposizioni quali ad esempio business meeting, convegni, workshop ecc.

Sono da considerarsi come un’unica fiera (e pertanto la domanda di contributo deve essere unica e cumulativa) le manifestazioni fieristiche che, per la peculiarità relativa al settore di appartenenza, vengono proposte in due o più momenti distinti all’interno di uno stesso anno solare (es. invernale ed estivo) proprio per sottolinearne le specificità stagionali

 

Spese ammissibili

Sono ammissibili (al netto di IVA) le spese di locazione e di allestimento di spazi espositivi destinati alla promozione delle attività aziendali.

Sono escluse la quota di iscrizione e gli eventuali servizi e forniture opzionali (energia elettrica, pulizia spazio espositivo, assicurazioni, trasporto materiali, servizi traduzione e interpretariato, ecc.).

 

Ammontare del contributo

Fiere a carattere internazionale in Italia

Il contributo riconoscibile è pari al 30% dell’importo complessivo delle spese sostenute (al netto IVA), sino ad un massimo di 2.000,00 euro.

Potranno comunque beneficiare del contributo camerale interventi il cui costo minimo (spese ammesse) sia pari o superiore a 5.000,00 euro.

Fiere in paesi UE e Svizzera

Il contributo riconoscibile è pari al 30% dell’importo complessivo delle spese sostenute (al netto IVA), sino ad un massimo di 2.000,00 euro.

Potranno comunque beneficiare del contributo camerale interventi il cui costo minimo (spese ammesse) sia pari o superiore a 5.000,00 euro.

Fiere in paesi Extra UE (escluso la Svizzera)

Il contributo riconoscibile è pari al 30% dell’importo complessivo delle spese sostenute (al netto IVA), sino ad un massimo di 2.500,00 euro.

Potranno comunque beneficiare del contributo camerale interventi il cui costo minimo (spese ammesse) sia pari o superiore a 5.000,00 euro.

Ciascuna impresa può beneficiare del contributo per non più di due manifestazioni fieristiche all’anno, di cui almeno una all’estero (fermo restando quanto previsto al punto 5 del presente regolamento per le fiere “stagionali”).

Sugli importi erogati ai soggetti beneficiari la Camera di Commercio applica la ritenuta del 4% (DPR 29.9.1973, n. 600, art.28).

 

Presentazione delle domande di contributo

L’impresa può presentare la domanda di contributo dal 6 marzo al 7 aprile 2017.

Le domande pervenute dopo l’esaurimento fondi saranno ammesse con riserva.

La domanda di contributo, corredata dalla marca da bollo da 16,00 euro e firmata digitalmente, dovrà essere trasmessa per via telematica.

La Camera di Commercio di Varese può decidere con provvedimento dirigenziale la chiusura anticipata del bando o il suo rifinanziamento con ulteriori somme, in caso di esaurimento dei fondi a disposizione.

Ricordiamo che, in caso di assegnazione contributo, l’impresa può trasmettere per via telematica la rendicontazione finale a decorrere dal 30° giorno successivo alla data del provvedimento di ammissione e comunque non oltre il 28 febbraio 2018.

 

Per ulteriori informazioni  contattate direttamente l’Ufficio Agevolazioni dell’Associazione allo 0332 830200.

Potrebbero interessarti anche...