Bonus energia per persone in difficoltà

Con decreto del 29 dicembre 2016 il Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito l’aumento dal 20% al 30% della riduzione della bolletta annua ottenibile con il “bonus energia” per i soggetti in difficoltà economica, inoltre ha incrementato da euro 7.500 a euro 8.107,5 il tetto ISEE per avere accesso alle agevolazioni. Hanno diritto al bonus tutti i cittadini clienti domestici intestatari di una fornitura elettrica nell’abitazione di residenza, con potenza impegnata fino a 3 kW.

Oltre alle famiglie con ISEE fino a euro 8.107,5, possono ottenere l’agevolazione anche i nuclei con un componente in gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo delle apparecchiature elettromedicali necessarie per la loro esistenza in vita. In questo caso è necessario essere in possesso di un certificato Asl che attesti: la necessità di utilizzare tali apparecchiature; il tipo di apparecchiatura utilizzata; l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata; la data a partire dalla quale il cittadino utilizza l’apparecchiatura.

Il valore del bonus dipende dal numero di componenti della famiglia anagrafica ed è aggiornato annualmente dall’Autorità.

L’importo del bonus viene scontato direttamente sulla bolletta elettrica, non in un’unica soluzione ma suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. Riassumendo, i punti centrali del decreto sono i seguenti:

  • dal 1° gennaio 2017, il valore della compensazione di spesa per la fornitura di energia elettrica a favore dei clienti economicamente svantaggiati è rideterminato in misura tale da conseguire una riduzione di spesa dell’utente medio, al lordo delle imposte, dell’ordine del 30%;
  • la richiesta di accesso alla compensazione è riferita ad una sola fornitura di energia elettrica ad uso domestico nella titolarità di uno dei componenti di un nucleo familiare in possesso dei requisiti ISEE. La richiesta può essere trasmessa anche per via telematica con le modalità stabilite dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico in accordo con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI);
  • con decorrenza 1° gennaio 2017 il valore ISEE è aggiornato e posto pari a 8.107,5 euro. Successivamente, con cadenza triennale l’Autorità aggiorna il valore ISEE, arrotondato al primo decimale, sulla base del valore medio dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati in ciascun triennio di riferimento;
  • l ‘Autorità, con cadenza annuale, effettua il monitoraggio della misura di cui al presente decreto e ne trasmette gli esiti al Ministero dello sviluppo economico, al fine dell’adozione di eventuali disposizioni modificative e integrative. l’importo del bonus viene scontato direttamente sulla bolletta elettrica, non in un’unica soluzione ma suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda.

L’associazione tramite il suo CAF può predisporre sia la valutazione ISEE che la domanda di agevolazione, per informazioni in merito potete contattare lo 0332 830200.

 

Potrebbero interessarti anche...