Tutoraggio Apprendistato

sezione_apprendistato

Piano formativo individuale per apprendisti

Nell’ambito del d.lgs 81/2015 – art. 44, per le aziende che assumono apprendisti di II° LIVELLO –ovvero apprendistato professionalizzante – la  formazione può essere erogata internamente all’azienda.

Ricordiamo che il datore di lavoro ha l’obbligo di redigere i piani formativi di dettaglio annualmente, per la formazione professionalizzante, da impartire all’apprendista e registrare la formazione sul libretto formativo dell’apprendista.

Confapi Varese, per aiutare le imprese ad orientarsi negli adempimenti ed assolverli al meglio, offre un servizio completo di accompagnamento al tutor aziendale per la gestione della formazione professionalizzante interna del suo apprendista che consiste in:

  • analisi della figura professionale di concerto con il tutor aziendale.
  • redazione e consegna del Piano formativo individuale, corredato dai materiali per la gestione della formazione interna.
  • assistenza a distanza per i successivi anni di assunzione: controllo della registrazione, nel rispetto dell’accordo sull’apprendistato applicato.

Benefici contributivi

Ricordiamo che possono essere assunti con contratto di apprendistato giovani di età compresa tra 15 e 29 anni (fino al giorno precedente al compimento dei 30 anni di età).
La contribuzione per gli apprendisti è pari al 10%.

Segnaliamo inoltre i seguenti Benefici contributivi

Per le aziende fino a 9 dipendenti viene riconosciuto uno sgravio contributivo del 100% per i primi 3 anni di contratto (soggetto alla regola del “de minimis”). Per gli anni successivi al terzo la contribuzione è pari al 10%.

In caso di trasformazione del rapporto di lavoro al termine del periodo di apprendistato, l’agevolazione contributiva del 10% viene riconosciuta per i 12 mesi successivi.

Benefici economici

Possibilità di inquadrare l’apprendista fino a due livelli inferiore rispetto alla qualifica da conseguire e/o di riconoscere una retribuzione pari ad una percentuale di quella prevista per un lavoratore già qualificato, secondo quanto previsto dal contratto collettivo applicato.

Possibilità di riconoscere al lavoratore, nel caso dell’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale (art. 3 TU 167/2011), una retribuzione che tenga conto delle ore di lavoro effettivamente prestate nonché delle ore di formazione nella misura del 35% del relativo monte ore complessivo.

Benefici fiscali

Le spese sostenute per la formazione degli apprendisti sono escluse dalla base per il calcolo dell’IRAP.

N.B. Per le aziende aderenti al fondo interprofessionale FAPI, è disponibile un voucher del valore massimo di  € 2.500 per ogni singolo apprendista a fronte di attività formative (in aggiunta alle 120 ore di formazione obbligatoria) per un totale di almeno 25 ore

 

Per il servizio di intermediazione vi invitiamo a contattare l’area Risorse Umane di Confapi Varese al numero 0332 830200 e a compilare la scheda allegata, da inviare via email a risorse.umane@api.varese.it oppure via fax allo 0332 830900.

 

Incentivi apprendistato: istruzioni INPS

Istruzioni INPS per datori di lavoro interessati a fruire del regime contributivo agevolato per assunzioni in apprendistato professionalizzante (senza limiti età) di lavoratori in mobilità.

Con il messaggio n. 2243/2017 l’INPS chiarisce regole e importo dello sgravio contributivo per l’assunzione di apprendisti con contratto di apprendistato professionalizzante, che ora possono essere fruiti anche per i lavoratori beneficiari di indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione ai sensi dell’art. 47, comma 4 del d.lgs. n. 81/2015 (c.d. Jobs Act), senza limiti età. Viene e rende nota la nuova procedura online riservata ai datori di lavoro che intendono chiedere accesso all’incentivo.

Apprendisti in mobilità
Dunque per lavoratori disoccupati o in mobilità assunti dal 1° gennaio 2017 valgono le stesse agevolazioni previste per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato professionalizzante, fatte salve le deroghe espressamente previste dalla legge. In sostanza, nonostante l’abolizione della mobilità a partire dal 1° gennaio 2017 resta la possibilità per il datore di lavoro di beneficiare del bonus per l’assunzione e della quota parte di sgravio contributivo. Per tale tipologia di lavoratori non sono previsti limiti età così da perseguire l’obiettivo della riqualificazione e del reinserimento nel mercato del lavoro.

Nuove codifiche
L’INPS comunica inoltre che verrà introdotto, a partire dal mese di competenza successivo alla pubblicazione del messaggio n. 2243 del 31 maggio 2017, un nuovo sistema di codifica delle assunzioni in apprendistato professionalizzante.

Apprendistato, sgravi e assunzioni 2017

Nuova procedura telematica
Per agevolare gli adempimenti dei datori di lavoro per le assunzioni, in apprendistato professionalizzante, di lavoratori beneficiari di indennità di mobilità ovvero di trattamenti di disoccupazione, l’Istituto sta progettando l’automazione delle istanze attraverso lo sviluppo di un’apposita procedura telematica che consente al datore di lavoro di:

  • verificare, per ciascun lavoratore in procinto di essere assunto, il sussistere delle condizioninecessarie alla fruizione dell’agevolazione;
  • conoscere l’importo dell’incentivo economico fruibile sulla base della misura della prestazione di disoccupazione residuale, per i beneficiari dell’indennità di mobilità.