Contributi per progetti di promozione dell’export delle imprese Export Business Manager – anno 2016

Nell’ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, Regione Lombardia promuove, attraverso l’erogazione di  contributi, la realizzazione da parte delle aziende di progetti articolati per sviluppare l’export e consolidare il business nei mercati target.

Il contributo viene concesso applicando le disposizioni previste dal regime “de minimis” così come definito dall’Unione Europea.

 

A CHI SI RIVOLGE

Alle micro, piccole e medie imprese con sede e/o unità operativa attiva in Lombardia.

 

PROGETTI AMMISSIBILI

Progetti per la promozione e lo sviluppo dell’export delle MPMI da attuare attraverso:

  • l’acquisto di servizi per la promozione dell’export (ricerca partner, studi di fattibilità, ecc.) tramite l’affiancamento di Export Business Manager (scelti tra quelli indicati da Regione Lombardia);
  • l’acquisto di servizi di promozione dell’impresa sui mercati esteri e partecipazione a fiere virtuali (comunicazione, advertising, ecc.);
  • la partecipazione a fiere internazionali in Italia o all’estero.

Non sono ammessi progetti che prevedono le sole attività di cui alle lett. b) e c).

I progetti e le spese relative non devono riferirsi ad esportazioni né all’uso di prodotti nazionali rispetto a prodotti importati. In particolare, non è possibile richiedere il finanziamento di spese che riguardino direttamente o indirettamente la costituzione e la gestione di una rete di distribuzione in altri Stati membri o paesi terzi.

Non costituiscono di norma aiuti all’esportazione gli aiuti inerenti ai costi di partecipazione a fiere commerciali né quelli relativi a studi o servizi di consulenza necessari per il lancio di nuovi prodotti oppure per il lancio di prodotti già esistenti su un nuovo mercato in un altro Stato membro o paese terzo.

Le attività del progetto devono essere realizzate e le relative spese pagate e rendicontate entro un periodo massimo di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda e non prima di 6.

 

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dal beneficiario per:

  • l’acquisizione di servizi per la promozione dell’export erogati da “Export Business Manager” selezionati dall’impresa nell’elenco di Regione Lombardia:
  • attività di ricerca partner commerciali o industriali, clienti, agenti o distributori
  • studi di fattibilità
  • predisposizione e organizzazione di incontri B2B
  • consulenza per contrattualistica internazionale
  • consulenza in materia doganale
  • consulenza per certificazioni estere di prodotto
  • l’acquisizione di servizi di promozione dell’ export:
  • attività di comunicazione e di advertising sui mercati target
  • web marketing mirato ai mercati target
  • creazione di siti web, portali e altri ambienti web-based in inglese e/o nella lingua del mercato target del progetto
  • partecipazione a fiere virtuali: affitto spazio espositivo (compresi eventuali costi obbligatori in base al regolamento di partecipazione) costi per l’allestimento della vetrina virtuale servizi di agendamento di incontri virtuali
  • la partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero: affitto spazio espositivo (compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori in base al regolamento della manifestazione), noleggio e allestimento stand, pulizia stand e allacciamenti, trasporto di materiali e prodotti (solo campionario), servizi di interpretariato e traduzioni connesse alla partecipazione alla fiera, servizio hostess, servizi di agendamento di incontri d’affari durante la fiera, servizi di promozione e marketing connessi alla partecipazione alla fiera.

È ammessa esclusivamente la partecipazione a fiere con qualifica internazionale che si svolgono in Italia, presenti nel calendario annuale delle Manifestazioni Fieristiche Internazionali in Italia predisposto dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome sulla base dei calendari delle Manifestazioni Fieristiche Internazionali approvati dalle singole Regioni e pubblicato sul sito www.calendariofiereinternazionali.it.

I servizi di consulenza devono essere prestati da consulenti esterni, non devono essere continuativi o periodici e devono esulare dai costi di esercizio ordinari dell’impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità.

Periodo di ammissibilità delle spese:

  • servizi erogati da “Export Business Manager” e servizi di promozione a partire dalla data di presentazione della domanda;
  • partecipazione a fiere internazionali in Italia o all’estero e partecipazione a fiere virtuali sostenute anche in data antecedente alla presentazione della domanda purché riferite ad una manifestazione che si svolge successivamente alla data di presentazione della domanda.

 

CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

L’agevolazione consiste in:

  1. un contributo a fondo perduto di importo fisso pari a € 8.000 a fronte di una spesa ammissibile di almeno € 13.000 per l’acquisizione di servizi per la promozione dell’export (ricerca partner, studi di fattibilità, ecc.)  erogati da Export Business Manager.
  2. un contributo aggiuntivo a fondo perduto di importo fisso di € 2.000 a fronte di una spesa aggiuntiva ammissibile di almeno € 5.000 per la l’acquisizione di servizi di promozione dell’impresa su mercati esteri e/o per la partecipazione a fiere internazionali in Italia o all’estero.

Non sono ammessi progetti che prevedono le sole attività di cui al punto 2.

I servizi per la promozione dell’export potranno essere erogati alle imprese unicamente da “Export Business Manager” inclusi in un elenco predisposto da Regione Lombardia.

 

QUANDO E COME PRESENTARE DOMANDA

Le domande devono essere presentate in modalità telematica tramite il sistema informatico SiAge. Ciascuna impresa può presentare ulteriori domande sul bando a condizione che:

– siano state rendicontate le spese sostenute relativamente al beneficio concesso per precedenti domande. Le imprese potranno presentare domanda successivamente all’approvazione dell’ elenco.

La valutazione dei progetti avviene secondo l’ordine cronologico di presentazione online della domanda e sino ad esaurimento delle risorse disponibili.

 

RENDICONTAZIONE

Le attività del progetto devono essere realizzate e le relative spese pagate e rendicontate entro un periodo massimo di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda e non prima di 6.

 

Riferimento: Burl: Serie Ordinaria n.23 del 7.06.2016

Per informazioni in merito potete contattare l’Area Estero dell’Associazione al numero 0332 830200.

 

Potrebbero interessarti anche...